I partiti del “cambio” alla prova del fuoco in Spagna (Riflessioni e qualche link sulle elezioni amministrative del 24M)

Ciclone Podemos, Podemos sconvolge la Spagna, Le amministrative a Podemos. Sono alcuni dei titoli che leggo stamattina sulla stampa italiana, che Podemos ha avuto il merito di sottrarre per l’occasione al torpore che spesso caratterizza la copertura dell’informazione internazionale. E forse per questo sono titoli un po’ strillati. Provo qui a mettere insieme alcune riflessioni.

      • Nessuna rivoluzione ma un terremoto sí. Le elezioni amministrative sono state un importantissimo banco di prova per i nuovi partiti e, soprattutto, per la tenuta dei “vecchi”. Il Partido Popular, che governa il paese, rimane il primo partito ma è una vittoria di Pirro. Ha perso la maggioranza assoluta nei suoi bastioni tradizionali ed è passato da un 37,5% nel voto municipale in tutto il paese al 27%, a appena due punti di distanza del PSOE (prima erano 10). Le sconfitte che più scottano sono quelle di Madrid, Valencia e Castilla-La Mancha, tradizionali feudi dei popolari che per anni hanno costruito la base del consenso sulla forza de potere a livello locale.

        L’ “effetto Cameron” che si credeva potesse ripetersi a Madrid (con una vittoria del partido al potere che esibisce come un trionfo i dati della ripresa economica del paese) non solo non c’è stato ma i risultati delle nuove opposizioni sono state superiori alle aspettative. Però è presto per titolare “Podemos sconvolge la Spagna”. Per varie ragioni. È alle comunali, dove la formazione di Pablo Iglesias non si è presentata con la propria marca ma ha appoggiato liste civiche, dove ci sono stati i risultati migliori. Mentre alle regionali al partito di Iglesias per il momento on è riuscito ancora il sorpasso del PSOE (con cui dovrà pattare per governare in posti chiave come il Comune di Madrid). Detto ciò, non bisogna dimenticare che Podemos è nato come partido a marzo 2014 e, in pochi mesi, è stato capace di dare uno scossone al panorama politico nazionale. 

  • L’eredità del 15M. Una delle letture più importanti del voto di ieri, soprattutto a Madrid e Barcellona, è che nel risultato di ieri c’è anche l’eredità del movimento degli indignados. I movimenti di base, le assemblee cittadine nate dopo le grandi manifestazioni di quattro anni fa sono confluiti nelle liste civiche liderate dall’ex giudice Manuela Carmena nella capitale e da Ada Colau, la energica attivista del movimento anti-sfratti (che ho raccontato in passato nel blog), a Barcellona. Ora arriva la prova del fuoco per dimostrare che si può essere “di piazza e di governo” senza perdere la faccia.
  • Podemos ma anche Ciudadanos. Se il grande elemento di rottura è senza dubbio la formazione di Pablo Iglesias, l’altro nuovo protagonista è il partito guidato da Albert Rivera. Anche se i sondaggi gli avevano dato un peso maggiore di quello che ha poi ottenuto, è chiaro che il salto fatto nei mesi scorsi da partito regionale catalano a formazione con ambizioni nazionali è riuscito. Per governare l’assemblea regionale di Madrid, il PP ha bisogno del suo appoggio, per niente scontato. 

Ci aspettano mesi interessanti. A fine anno ci sono le elezioni politiche ed è lì dove si misureranno realmente le vittorie e le sconfitte di ieri.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

10 Lecturas recomendables (y 5 canciones) para llegar preparados a las elecciones griegas

No es un listado definitivo ni exhaustivo. Pero son artículos, reportajes y análisis que creo útiles para poner en contexto el debate de estos días sobre las elecciones en Grecia. Un breviario de lo que hay que tener en cuenta en esta cita griega, y ya europea. BUONA LETTURA, que se dice en mi tierra.

PD: Al final, he puesto también cinco canciones. Por una razón o por otra, me han acompañado en mi viaje hacia Grecia.

Peter Spiegel en el Financial Times sobre #Tsipras. El mejor perfil que he leído.

El economista Philippe Legrain, asesor de la Comisión Europea entre 2011 y 2014, en Foreign Policy. Por qué Grecia necesita que Syriza gane las elecciones.

Xavier Vidal-Folch en El País: Evitemos otro drama a los griegos. Reordenar la deuda es factible, está previsto y evita el mayor daño social de los impagos.

Y esto de Claudi Pérez: ¿Quién teme a Alexis Tsipras?

Greece isn’t taking a soft option – the people demand real change. Una muy recomendable tribuna de Maria Margaronis en el Guardian.

Sobre los miedos de los griegos y la estrategia del miedo en la campaña electoral, excelente reportaje de Suzanne Daley y Dimitris Bounias en el New York Times.

Y aquí Apostolis Fotiadis recoge la opinión de Lee Buchheit, que asesoró al Gobierno griego durante las negociaciones para la reestructuración de la deuda pactada en 2012.

Un análisis de Nick Malkoutzis, publicado cuando se anunció el adelanto electoral, explica mucho de la política griega de estos años, y de la estrategia de Samarás.

Esta historia de Irene Hernández Velasco, publicada por El Mundo, bien representa la polarización de la sociedad griega.

Y si me permiten, también este reportaje, que publiqué en enero de 2013 en El País. Cómo hemos llegado hasta aquí. El abismo griego

___

Y aquí van las canciones:

“No lloraré, no tendré miedo”. De Pavlos Fyssas, el rapero asesinato por un militante de Aurora Dorada el 18 de septiembre de 2013.

Rebetiko Mou. De Vinicio Capossela

Un clásico: Zorba, escrita por Mikis Theodorakis para la película homónima. Aquí en una famosa escena del filme:

Mi banda sonora durante unos días en Atenas, en mayo de 2013. La tocaban unos chicos en un café de una vía aledaña a calle Ermou. Un tema tradicional interpretado aquí por Giorgos Dalarás

Esta no es de Grecia, pero, en cierta manera, es como si lo fuera. La banda sonora de la película Mediterraneo

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Las cuatro estaciones de Atenas. De cómo este blog acabó en un libro


grecia_FINAL_trazado_2Cuando empecé este blog en julio de 2012 decidí que su lema fuese “Si Madrid llora, Roma no ríe”. Quería hablar de la crisis, de aquella crisis que, según un colega italiano, era difícil de contar porque “no se veía” en las calles de Madrid. Luego, lo que “no se veía” se hizo cada vez más visible y dramático. Aquel mismo verano decidí viajar a Grecia. Quería ver de primera mano los efectos de la Gran Recesión en el primer país europeo obligado a seguir a rajatabla el régimen de austeridad impuesto por la llamada troika. Fue ir y quedar enganchada. El proyecto del blog se transformó. Fui a Grecia más veces y cada vez el país exigía más atención. Tras uno de esos viajes y una charla en “Tipos Infames”, con Emilio Sánchez Mediavilla, editor de Libros del KO, empezamos a pensar en ir más allá de los reportajes que iban saliendo. Y tras un año y medio de idas y venidas, el resultado de esta inmersión en el agujero negro de la crisis es “Las cuatro estaciones de Atenas. Crónicas desde un país ahogado por su rescate”, el libro que edita Libros del KO. No encuentro palabras mejores para explicar qué es este libro que las que usé en la introducción:

“Aquí solo se trata de entender hasta dónde hemos llegado tras un lustro de recesión y austeridad, hasta qué punto los beneficios del tratamiento de austeridad compensan los “efectos colaterales”. Entender a través de las historias con la h minúscula, la que en los libros de Historia desaparecen en aras de los protagonistas oficiales; a través de los ojos de las comparsas que, a menudo en el teatro de la vida, son más interesantes que los actores principales.
Para evitar que , como dijo una amiga delante de una cerveza en una noche de otoño en un bar de Atenas, dentro de cincuenta años todo lo que ha pasado acabe resumido en estas dos líneas de un libro de Historia: desde 2008 Grecia vivió una larga recesión que sumió en la pobreza a un cuarto de su población”.

La lista de las personas que tengo que agradecer es larga y, al menos una parte, está en las primeras páginas del libro. Aquí sólo quiero darle las gracias, una vez más, a Joaquín Estefanía que escribió el prólogo. Un privilegio del que siempre le estaré agradecida.

Aquí dejo algunas reseñas, entrevistas, comentarios que han salido sobre Las cuatro estaciones de Atenas. Y aquí se pueden descargar las primeras páginas del libro.

P.D.: El libro viene con un desplegable. Es un juego de la oca de la crisis griega. Una forma de acabar con una sonrisa (algo amarga). Se puede descargar aquí.

tabl

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Dopo il 15M, le iniziative nei quartieri. “Tienda amiga”, i negozi che fanno sconti ai disoccupati

Che fine hanno fatto gli indignados? Due anni dopo le proteste che inondarono Puerta del Sol e il centro di Madrid rimbalzando sulle prime pagine di mezzo mondo, il movimento 15M, nei giorni del suo secondo anniversario, è tornato nelle piazze. Non una, tante. Con meno persone ma più centrate sulle iniziative che, in questi due anni, sono nate nei quartieri per poi riconfluire nelle manifestazioni collettive. Contro gli sfratti con la Piattaforma vittime del Mutuo (PAH, nella sigla spagnola) o nelle “maree”, le proteste contro i tagli alla sanità o alla scuola pubblica.

E i segni delle iniziative si trovano per le strade, passeggiando, per esempio, in un quartiere come Carabanchel, roccaforte di quella che un tempo si chiamava classe operaia e diventato sempre più multietnico dopo l’arrivo di migliaia di immigrati durante gli anni del boom.

Il cartello qui in basso, attaccato alle pensiline degli autobus o ai cartelloni degli spazi publicitari, è una delle iniziative dell’Assemblea popolare di Carabanchel. Si chiama “Tienda amiga”, “negozio amico”, e, come spiegano qui, è una rete di attività commerciali che fanno sconti alle persone disoccupate del quartiere. Gli sconti vanno dal 5 al 20% e nell’elenco ci sono soprattutto alimentari e i “banchi” di pesce e di carne dei mercati rionali ma anche qualche negozio di abbligliamento, ottica e cliniche dentali. Un aiuto reciproco ai tempi della grande crisi. A pochi metri da dove è stata scattata la foto del volantino di Tienda Amiga, infatti, c’è la calle General Ricardos, che attraversa Carabanchel, ed è puntellata di locali commerciali con scritto “Liquidazione per chiusura”…

Il volantino di Tienda Amiga

Il volantino di Tienda Amiga

Pubblicato in Noticias/Notizie | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Si Grillo desembarca en Grecia…

La Europa de la gran crisis, donde el famoso “túnel” se ha vuelto tan kilométrico que ya no sabemos a qué distancia nos encontramos de la entrada y de la salida, no deja de dar sorpresas. La última novedad es que Grecia ya tiene su versión del Movimento 5 Estrellas, la formación que obtuvo más del 25% en las elecciones italianas. Se llama Dracma 5 Estrellas y lo ha fundado Theodoros Katsanevas.

El primer objetivo del nuevo partido está en el nombre: volver a la antigua moneda nacional. La temida Grexit, que ha tenido en vilo a Europa en los últimos tres años, para la nueva formación política no solo no es el mal sino la solución a los males. Así que el programa político resumido en el blog de Katsanevas prevé un referéndum sobre la vuelta a la dracma y la cancelación del Memorándum de Entendimiento que Grecia firmó con los acreedores internacionales para recibir la ayuda que evitara la bancarrota del país.

Luego plantea un programa de desarrollo de la producción y del consumo interno y una unión de los países del Sur de Europa para que, una vez dejado atrás el euro, se construya una mini-UE con su propia área de libre comercio y políticas económicas, financieras y comerciales comunes.

El logo de Dracma 5 Estrellas

El símbolo de Dracma 5 Estrellas

Las 5 estrellas, según aparece en el blog, son: rechazo del memorándum, vuelta a la dracma, crecimiento, dignidad nacional y justicia social.

Katsanevas no es un novato. Ha nadado mucho en la política y lo que no puede reivindicar, al contrario de Grillo, es de ser ajeno al sistema. Ex yerno de Andreas Papandreu, Katsanevas no es exactamente una novedad ya que fue diputado en el Parlamento griego ininterrumpidamente entre 1989 y 2004. Aun así no hay que descartar que su apuesta 5 Estrella tenga éxito, ya que otras dos neonatas formaciones políticas, Pacto Para una nueva Grecia (fundado en abril por un ex diputado del Pasok) y Plan B (iniciativa de un ex de Syriza), en un reciente sondeo, ya reciben respectivamente el 2 y el 1,4% de intención de voto.

Grillo siempre repite en Italia que la presencia de su Movimiento ha evitado que hubiera en este país fenómenos como Aurora Dorada. Cierto o no, es menos claro que la iniciativa de Katsanevas consiga contener el partido neonazi que, a día de hoy, sigue siendo la tercera fuerza política en todos los sondeos. Lo que sí es cierto es que la elección del nombre es la confirmación de la potencia del marketing de una marca en auge.

Pubblicato in Noticias/Notizie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Andalusia, espropri di case nella Spagna della crisi

Se dovessi scegliere una notizia importante di questa settimana in Spagna direi che è questa: il governo regionale dell’Andalusia, guidato dal socialista José Antonio Griñán in coalizione con Izquierda Unida, ha annunciato una misura straordinaria per far fronte all’emergenza pignoramenti che la Spagna vive dopo lo scoppio della bolla immobiliare. Si tratta della possibilità di espropriare alle banche temporaneamente e per un massino di tre anni le case che sono in processo di esecuzione immobiliaria nei casi in cui le famiglie occupanti vivono in rischio di esclusione sociale. In Italia la notizia è stata raccolta da Il Post.

Si tratta di un provvedimento importante in un momento in cui la casa è al centro delle mobilitazioni di piazza. Proprio in questi giorni la PAH (Piattaforma vittime dei mutui) sta organizzando una serie di proteste per chiedere l’approvazione delle modifiche alla legge ipotecaria sulla base delle proposte contenute nell’iniziativa di legge popolare presentata con oltre 1,5 milioni di firme al Parlamento. La protesta stessa è al centro del dibattito: da settimane gli attivisti della piattaforma organizzano i cosiddetti “escrache”, una segnalazione pubblica davanti alla casa o ai luoghi di lavoro di esponenti del Partido Popular, che si oppone alla dazione in pagamento, la cancellazione del debito in cambio della restituzione dell’abitazione, chiesta dal movimento per la casa. Ma gli “escrache” non sono nati in Spagna. Furono organizzati per la prima volta in Argentina  negli anni Novanta per segnalare gli ex alti esponenti della dittatura.

Nonostante le polemiche (tra chi considera gli escrache una protesta legittima e chi la paragona a una forma di stalking e attacco alla privacy), le manifestazioni andranno avanti, dicono dalla PAH, fino a quando le richieste non verranno ascoltate e mentre il Parlamento discute la nuova legge ipotecaria (il PP ha presentato una sua “sintesi” che non include, per esempio, la dazione in pagamento retroattiva). Su quella attuale si è pronunciato a metà marzo il Tribunale europeo di giustizia, definendola “illegale e abusiva” in alcune sue parti. E in questo iter, oggi il PSOE ha presentato un emendamento che riprende proprio il provvedimento andaluso per estenderlo a scala nazionale e frenare (se non fermare) i desahucios, gli sgomberi di chi non riesce a pagare la rata del mutuo o l’affitto…

Pubblicato in Noticias/Notizie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

“Solidarity Now, dalla crisi possiamo uscirne insieme”

Elstat, l’istituto statistico greco, ha appena pubblicato i nuovi dati sul tasso di disoccupazione: a gennaio 2013 ha raggiunto il 27,2%, 1,5% in più che a dicembre (25,7). Un anno fa era al 21,5%. La cura dell’austerità imposta al paese sta avendo questo devastante effetto collaterale. Lo stesso che si sta producendo in Spagna, in Portogallo (e anche in Italia). Eppure, nella Grecia della Grande Depressione, ci sono storie di resistenza, di iniziative nate dalla società civile per far fronte al degrado economico e sociale. Come quella di Constantinos Polychronopulos, un disoccupato che ha creato O Allos Anthropos (l’Altro Uomo), una cucina all’aria aperta per sfamare i poveri di Atene. È partito un anno e mezzo fa e oggi, non senza fatica, è riuscito a mettere in piedi un gruppo di volontari che si danno il cambio per dare un pasto caldo a chi non ce l’ha. (Ho raccontato la storia di Constantinos qui). Ci sono tante storie come questa in Grecia in questo momento, tante iniziative nate spontaneamente dalla società civile. Ed è ad ese che si rivolge il progetto della Fondazione Open Society (l’organizzazione benefica creata dal finanziere George Soros). Si chiama “Solidarity Now”. In questo articolo pubblicato da Redattore Sociale, racconto di che cosa si tratta. Buona lettura.

(da Redattore Sociale del 09/04/2013)

ATENE – Se c’è un posto in Grecia che descrive meglio di altri gli effetti della crisi è Perama, un sobborgo portuale, nel Pireo, a 15 chilometri da Atene: 26 mila abitanti e un tasso di disoccupazione al 60 per cento, più del doppio della già insostenibile media nazionale. È nei luoghi come Perama che si concentrano tutte le contraddizioni della Grecia nel suo sesto anno di recessione economica. La via del porto, con la sua lunga fila di capannoni chiusi di cantieri navali che non hanno commesse, è una delle tristi fotografie della Grande Depressione. Ma nelle pieghe dell’austerità sono nate qui, come in altre parti del Paese, piccole e grandi iniziative di resistenza, per aiutare chi in questi anni – inimmaginabili due lustri fa quando prosperava il sogno olimpico di Atene 2004 – non trova altre reti di protezione contro la povertà e l’esclusione sociale. A queste iniziative è rivolto il nuovo progetto della Fondazione Open Society. Il nome in inglese è Solidarity Now, Solidarietà Adesso, a testimoniare l’urgenza di agire in una situazione che non può più aspettare gli attendismi della UE e delle negoziazioni con la troika dei creditori internazionali.

“Vogliamo dare appoggio alle iniziative che nascono dalla società civile greca. L’iniziativa parte dalla nostra organizzazione ma è aperta ad altri contributi”, dichiara Jordi Vaquer, direttore di Open Society Iniciative per l’Europa. Il progetto è anche una raccolta fondi, da individui o organizzazioni, per promuovere le azioni di ong o gruppi di persone che stanno lavorando in Grecia per alleviare gli effetti della crisi. Le aree prioritarie di intervento sono tre: la salute, l’assistenza legale (per esempio per chi ha problema di debiti o per i rifugiati) e la creazione di posti di lavoro. “Adesso abbiamo quattro persone ad Atene. L’unica azione che abbiamo fatto noi direttamente sono stati gli aiuti per pagare il gasolio per il riscaldamento. In quel caso abbiamo dato contributi diretti a scuole e altre istituzioni”, racconta Vaquer. Un intervento diretto reso necessario dall’emergenza che si è avuta lo scorso inverno quando l’aumento del prezzo del combustibile di oltre il 40 per cento ha reso impossibile per molti provvedere autonomamente al riscaldamento delle proprie case. 
Che la prima area di azione prioritaria dell’iniziativa sia la salute non deve sorprendere. Se si è disoccupati da più di un anno in Grecia si perde la copertura sanitaria e questo sta avendo grandi ripercussioni in un Paese con la disoccupazione che sfiora il 27%. E proprio per questo a Perama Medici del Mondo ha aperto due anni fa un’altra clinica per assistere gli esclusi del sistema nazionale. Se nell’altra sede dell’organizzazione, nel centro di Atene, i pazienti sono in maggioranza stranieri, nel sobborgo portuario il 90 per cento sono cittadini greci. Anche per questo Solidarity Now include tra i luoghi di azione propritaria Perama, insieme al centro di Atene e alla zona a ovest di Salonicco, la seconda città del Paese.

L’idea che sottende il progetto è, sottolinea il direttore di Open Society Iniciative per L’Europa, che “dalla crisi possiamo uscire insieme” perché “il sentimento di solidarietà tra i cittadini europei è più forte che tra i governanti”. Vaquer cita al proposito i risultati di un sondaggio realizzato a marzo dall’organizzazione secondo cui il 67 per cento degli europei crede che i vari Stati debbano mostrare solidarietà e lavorare insieme, contro il 33 per cento che crede che ogni Stato deve guardare al proprio interesse. Nello stessa rilevazione emerge che l’85 per cento degli intervistati ritiene che il sentimento di unità e solidarietà è stato seriamente colpito dalla crisi economica in un’Europa che ha spesso colpevolizzato i cittadini greci per la situazione in cui versa il Paese. “C’è stato un sentimento di responsabilizzazione dei cittadini comuni per quello che è successo, e non è giusto”, dice Vaquer. Lo stesso pensa il 74 per cento degli europei intervistati nel sondaggio di Open Society secondo cui la popolazione greca sta ingiustamente pagando le conseguenze di una crisi che non ha creato.

Per il lancio dell’iniziativa Open Society ha realizzato un video in cui sulle immagini di Atene e di altre zone della Grecia scorrono messaggi di solidarietà. Uno è questo: “Quando le struttre cadono, quando i sistemi falliscono, sono le persone che devono sostenersi”. Ma non c’è in questo modo il rischio di creare un welfare parallelo? Vaquer crede che il rischio c’è ma che la Grecia ha una situazione sociale che potrebbe evitarlo. “Quello che mi piace del fatto di lavorare in Grecia è che la gente non da per scontato l’aiuto che riceve e si mobilita per contribuire. Non si ‘accomodano’ sugli interventi delle ONG. Molte persone sono rimaste fuori dalla rete di protezione sociale. E la società greca cerca, fin dove può arrivare, di evitare che questo accada. Non rimangono con le braccia conserte”. “Però”, riconosce il direttore di Open Society Iniciative per L’Europa, “è evidente che alla larga lo Stato deve tornare a prendere le redini”. “Guardiamo alla Grecia con preoccupazione non per quello che ha di eccezionale ma per quello che ha di normale. Perché ci racconta una storia dell’Europa che non ci piace. Ci preoccupa la direzione in cui sta andando l’Europa. Non è tollerabile la sofferenza umana causata dalle politiche di austerità a tutti i costi”, aggiunge. C’è l’intenzione di estendere l’iniziativa ad altri paesi?  “Ci piacerebbe poter rispondere di no. E magari sia così”. (mariangela paone)

Pubblicato in Noticias/Notizie | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento